Immagini – News
– Stampa

Immagini gare  & stampa

Team Autotest Motorsport sul podio dell’EcoDolomitesGT

Guerrini quinto nel mondiale e Volkswagen seconda nel campionato costruttori.

 

Freddo, pioggia, vento, nebbia e naturalmente neve non sono mancate sulle strade trentine, venete e altoatesine in occasione della seconda edizione dell’EcoDolomitesGT, tappa conclusiva, nonché unica in Italia, del mondiale FIA energie alternative.

Tre gli equipaggi di Team Autotest Motorsport, in collaborazione con Auto Brenner, al via dell’evento che ha fatto base a Fiera di Primiero. Secondo posto in regolarità, ma terzo per via della combinata che tiene conto dei consumi, per Guido Guerrini e Artur Prusak a bordo di una Vw Id.3. Terzi in regolarità e quinti in combinata gli spagnoli Carlos Sergnese e José Luis Rodríguez su Vw Id.4. Infine il ritorno sulle strade di casa per i campioni del mondo energie alternative 2019 Fuzzy Kofler e Franco Gaioni, sempre su Id.4, sesti in regolarità e ottavi in combinata.

La gara italiana, vinta dai francesi Didier Malga e Anne Valerie Bonnel ha definito anche le classifiche mondiali di categoria. Team Autotest Motorsport ha contribuito al secondo posto assoluto per Volkswagen, al quinto di Guido Guerrini tra i piloti e all’ottavo di Francesca Olivoni tra i copiloti.

“Una gara difficile e che ci ha visto non solo salire sul podio ma anche vincere 3 prove speciali. I consumi ci hanno penalizzato ma siamo soddisfatti sia del risultato sportivo che del piazzamento finale nel mondiale 2021, nonostante non abbiamo preso parte a tutte le gare della stagione”, è il commento di Guido Guerrini durante la premiazione a Fiera di Primiero.

Team Autotest Motorsport, anche grazie al supporto di molti sponsor sia altoatesini che toscani, è stata l’unica realtà italiana a prendere parte a quello che è stato il mondiale più partecipato della storia e che ha visto molte nazioni debuttare in questa disciplina sportiva.

Una ID.4 vince a Monte Carlo

L’auto tedesca vince la prestigiosa gara e tiene aperto il mondiale costruttori. A punti Team Autotest Motorsport con la coppia Guerrini-Prusak. Gli spagnoli Conde-Serrano campioni del mondo.

Tanti i verdetti usciti dalle cinque giornate del ventunesimo Rally di Monte Carlo dedicato alle auto ad energie alternative. Una edizione da record per la lunghezza, per il numero di prove speciali e per i 55 equipaggi al via provenienti da dodici differenti nazioni. Team Autotest Motorsport con la coppia costituita da Guido Guerrini e Artur Prusak era l’unica scuderia italiana al via del prestigioso rally.

La gara di sola regolarità è stata vinta dalla coppia francese Lansiaux-Buhot, che a bordo di una Volkswagen Id.4 ha messo dietro di appena tre secondi il vincitore dell’edizione 2019 Frédéric Ozon e il copilota Gérald Seiler. Lansiaux-Buhot vincono anche la combinata FIA grazie ad un sorprendente quinto posto nella classifica dei consumi dominata come al solito da due Kia. Gli spagnoli Conde-Serrano e Sargnese-Sargnese sono rispettivamente primi e secondi nella classifica consumi e anche nella classifica mondiale. Per quanto riguarda Conde e Serrano arriva anche la matematica certezza della vittoria del mondiale FIA con una gara di anticipo.

In casa Team Autotest Motorsport c’è soddisfazione per il settimo posto nei consumi, il diciottesimo nella regolarità e un nono posto complessivo che regala tre punti d’oro e tiene aperta la lotta per il podio mondiale. Almeno sette i piloti e copiloti che possono ancora giocarsi il titolo di vicecampione del mondo nell’ultima gara in programma che si svolgerà nelle Dolomiti alla fine di novembre.

Grazie alla vittoria della Vw Id.4 nella classifica dedicata alle case costruttrici si riapre la corsa al titolo e anche in questo caso la gara italiana sarà decisiva al fine dell’assegnazione del titolo. Sono infatti nove i punti di vantaggio di Kia rispetto a Vw, mentre saranno 22,5 i punti in palio sulle Dolomiti. Gli ultimi verdetti per il team altoatesino saranno quindi stabiliti sulle strade di casa.

E-Rallye di Monte Carlo, Guido Guerrini al via in coppia con Artur Prusak

Il tre volte campione del mondo polacco al fianco del pilota valtiberino nella prestigiosa gara monegasca in programma fino a domenica

Si svolge nell’arco di ben cinque giorni, da oggi fino a domenica, l’edizione 2021 dell’E-Rallye di Monte Carlo, una delle più prestigiose gare del campionato mondiale FIA per auto ad energie alternative. Oltre mille i chilometri totali, 350 dei quali distribuiti su 15 prove speciali.

Al via una sola scuderia italiana, l’altoatesina Autotest Motorsport, che a bordo della propria Volkswagen ID.4 schiera il pilota valtiberino Guido Guerrini insieme al franco-polacco Artur Prusak. Questa la soluzione per fare fronte al doppio forfait di Francesca Olivoni, finora sempre al fianco di Guerrini in questa stagione, e dell’altro co-pilota di Autotest Motorsport, il bolzanino Franco Gaioni. Quella tra Guerrini e Prusak, tre volte campione del mondo piloti, non è tuttavia una coppia inedita: pur essendo stati più spesso rivali, in carriera i due hanno già corso insieme tre volte, ottenendo un primo e un secondo posto in Repubblica Ceca e un nono posto in Portogallo.

La gara monegasca, che parte da Châteauneuf, nei pressi di Lione, e arriva nel Principato, è il settimo e penultimo appuntamento del campionato FIA 2021. Guerrini e Olivoni sono attualmente settimi nella classifica generale guidata dagli spagnoli Eneko Conde Pujana e Loren Serrano Gallegos, a un passo dalla conquista matematica del titolo iridato.

Non saremo presenti all’E-Rally Iceland 2021

Cinque equipaggi impegnati nella “Fia elettric and new energy championship” non riusciranno a prendere parte alla gara che assegna il maggiore punteggio del campionato.

Sono le regole di ingresso in Islanda a costringerci a non prendere parte alla gara di Reykjavik. Ringraziamo gli organizzatori per averci aiutato a comprendere nel modo migliore cosa chiede il governo islandese a chi intende raggiungere l’isola. La nostra non è una protesta contro nessuno, ma la semplice presa d’atto di una partecipazione impossibile. Deve essere chiaro che la nostra stima verso gli organizzatori di una delle più belle gare dedicate alle energie alternative è massima e rimane immutata.
I principali team in testa alla classifica Fia hanno deciso di comune accordo di non affrontare le problematiche burocratiche e sanitarie che le regole islandesi chiedevano. Lo abbiamo fatto in armonia ed amicizia per fare in modo che nessun equipaggio potesse trarre vantaggio dai problemi degli altri.

Tra di noi ci sono vaccinati con una sola dose o con due dosi ma da meno di due settimane. Sempre tra di noi c’è chi è completamente vaccinato con vaccini non riconosciuti dall’Islanda. In questi casi sono previsti un tampone prima di partire, uno all’arrivo in aeroporto, cinque giorni di quarantena, un ulteriore tampone. Dopo il risultato dell’ultimo tampone si è liberi. Nessuno di noi può permettersi di rimanere dieci/undici giorni lontano dal proprio lavoro.
Per questo, di comune accordo, i firmatati di questo comunicato rendono nota la decisione di non prendere parte alla quarta gara del Fia elettric and new energy championship che si svolgerà a Reykjavik dall’8 al 10 luglio prossimo.

Lungo drive test e lunga trasferta per Guerrini e Olivoni che cercheranno punti per restare in corsa per il mondiale

L’equipaggio di Team Autotest Motorsport al via dell’Eco Rally del Portogallo, che si svolgerà da venerdì a domenica.

Tutti i migliori equipaggi della parte alta della classifica mondiale FIA saranno alla partenza della terza prova del campionato mondiale energie alternative in programma il prossimo fine settimana nella città di Oeiras, sulle rive dell’Atlantico nei pressi di Lisbona. Oltre a Guido Guerrini e Francesca Olivoni, terzi in classifica a 1,5 punti dalla testa del mondiale, unici italiani presenti grazie al sostegno di Team Autotest Motorsport, saranno pronti al via le due coppie leader della classifica, gli spagnoli Conde-Serrano e i cechi Žďárský-Nábělek. Torna in gara anche il campione del mondo in carica Artur Prusak, che farà da copilota al francese Alexandre Stricher, che due anni fa vinse la graduatoria iridata dei consumi. Attenzione anche ai baschi Foronda-Rodas, vecchie volpi del mondo delle energie alternative e al momento quarti alle spalle dei due italiani, e dal non sottovalutare i forti equipaggi lusitani che hanno sempre ben figurato in quella che è la gara più importante del campionato portoghese. Una gara che è stata spesso avara di soddisfazioni per gli equipaggi italiani, andati a podio solo nel 2019 con la coppia Fuzzy Kofler-Franco Gaioni, sempre per il Team Autotest Motorsport.

Il lungo drive test

Nei giorni che hanno preceduto il quarto Oeiras Ecorally del Portogallo, Team Autotest Motorsport ha utilizzato parte della lunga trasferta per effettuare un drive test finalizzato ad ottimizzare i consumi della Volkswagen Id.4 messa a disposizione da Auto Brenner. I risultati si sono rivelati interessanti, in particolar modo quello relativo alle reali percorrenze possibili con gli 82 kWh di batteria, dei quali 77 realmente utilizzabili. I rilevamenti sui consumi negli scorsi giorni hanno ulteriormente migliorato quelli raccolti nelle fredde giornate che hanno accompagnato la gara di Český Krumlov. Il dato sorprendente è che con un’andatura prduente la soglia dei 500 km con una ricarica viene spesso superata, mentre ad andatura veloce si va ben oltre i 400 chilometri, e ci si attesta a circa 300-350 schiacciando al massimo consentito l’acceleratore. L’obiettivo iniziale era riuscire a percorre l’intera distanza di 2.500 chilometri da Bolzano all’oceano Atlantico. In realtà l’equipaggio ha dovuto rinunciare al prestigioso traguardo per difficoltà incorse nell’attivazione di alcuni dei sistemi di ricarica, episodio che ha consigliato per prudenza di interrompere il viaggio a circa metà percorso. Quello che è successo è un classico imprevisto della mobilità elettrica che, ancora, nelle lunghissime percorrenze può evidenziare problemi se non si ha l’attenzione di effettuare tutte le dovute attivazioni. A contribuire alle difficoltà incontrate anche una giornata no per la funzionalità di alcune colonnine fast che hanno rallentato ulteriormente il percorso. Da evidenziare come le concessionarie Volkswagen abbiano sempre puntualmente sopperito al problema con professionalità, permettendo ogni volta alla Id.4 di ripartire carica e con soste di circa un’ora.

Guerrini mai a punti in Portogallo

Il mancato arrivo della Id.4 ad Oeiras va ad aggiungersi ad una serie di sfortunate partecipazioni del pilota vicecampione del mondo. Nel 2018 era navigatore di Artur Prusak quando un guasto agli strumenti di gara fece passare la coppia polacco-italiana dal terzo al nono posto (all’epoca andavano a punti i primi otto piazzati). L’anno successivo Guerrini guidava affiancato da Calchetti. Fino a metà gara guidavano la classifica quando un errore di start del cronometro lì fece scivolare all’undicesimo posto. Ancora più sfortunata la mancata presenza alla gara 2020 a causa della positività al Covid dello stesso Guerrini. “Ho un conto aperto con questa bellissima gara e intendo fare il possibile per invertire la tradizione negativa che ha caratterizzato le precedenti partecipazioni. L’inizio non è stato dei migliori ma resto ottimista nel provare per la prima volta a prendere punti nella gara portoghese”, racconta Guerrini appena giunto a Lisbona interrompendo per alcuni giorni il raid automobilistico Milano-Cortina-Tokyo a cui stava partecipando. “Sarà ancora una volta un’occasione di visibilità per i territori e gli sponsor che rappresentiamo lungo le tappe del nostro campionato”, dice la campionessa italiana energie alternative 2020 Francesca Olivoni. “Anche se orfani della nostra Volkswagen Id.4 ringraziamo gli organizzatori della gara per averci fatto trovare un veicolo sostitutivo che ci ha permesso di partecipare alla gara di Oeiras”, conclude la copilota toscana.

Team Autotest Motorsport terzo in Repubblica Ceca

La squadra di Josef Unterholzner conquista un ottimo terzo posto e si porta a 1,5 punti dalla testa del mondiale dedicato alle energie alternative ricomincia alla grande la stagione mondiale di Team Autotest Motorsport che conquista il podio al  Czech New Energies Rallye di Český Krumlov in Repubblica Ceca e si porta ad un passo dalla vetta del campionato mondiale dedicato alle energie alternative. Guido Guerrini e Francesca Olivoni, a bordo della Volskwagen ID.4 messa a disposizione dalla concessionaria Auto Brenner,  nella gara in Repubblica Ceca hanno conquistato il terzo posto assoluto, frutto del terzo posto nella classifica della regolarità e del decimo in quella dei consumi.

 Per l’esperto equipaggio della squadra altoatesina era la prima gara a bordo della nuova ID.4: “Nessuna difficoltà nell’adattamento al veicolo, semmai è stato molto difficile gestire le novità del regolamento di gara, soprattutto la consegna del road book appena 15 minuti prima dell’inizio delle prove, cosa che avvantaggia notevolmente chi corre sulle strade di casa”, racconta la campionessa italiana 2020 Francesca Olivoni. “Siamo soddisfatti della collaborazione con Team Autotest Motorsport e con molte importanti aziende del Sudtirolo”, dice il pilota vicecampione del mondo Guido Guerrini che aggiunge che “questo podio è stato importante per lanciarsi verso le posizioni più alte della classifica mondiale e continuare il sogno di riportare a Bolzano il titolo iridato dopo quelli del 2014, 2015, 2017 e 2019 conquistati da Fuzzy Kofler e Franco Gaioni”.

 Guerrini e Olivoni salgono al terzo posto della classifica mondiale con 21 punti a solo 1,5 punti di distacco dagli spagnoli Conde-Serrano e dai cechi Žďárský-Nábělek. Sempre grazie al terzo posto ottenuto a Český Krumlov Volkswagen è ora seconda nel mondiale costruttori con 30 punti, con il modello Pro Performance di ID.4 che proprio grazie a Team Autotest Motorsport ha debuttato nel Campionato mondiale FIA energie alternative. La scuderia altoatesina tornerà in gara in occasione del terzo appuntamento iridato tra il 18 e il 20 giugno in Portogallo, nella città di Oeiras.

Attualità

Noi ti teniamo aggiornato

Una ID.4 vince a Monte Carlo

L’auto tedesca vince la prestigiosa gara e tiene aperto il mondiale costruttori. A punti Team Autotest Motorsport con la coppia Guerrini-Prusak. Gli spagnoli Conde-Serrano campioni del mondo.

di piú…


Team Autotest Motorsport
Team Autotest Motorsport
Beim letzten Saisonrennen sind wir von Autotest Motorsport mit drei Autos dabei
Dank VW-Autobrenner,
Dank den Sponsoren
Dank an VOG-Kanzi die das alles möglich machen

Galleria immagini

Premium partner